L’emergenza provocata dal Corona virus è un dramma a livello umano ma anche a livello informatico in quanto in questo periodo il phishing è in forte aumento e gli hacker black hat non mancano di cogliere ogni occasione per sferrare attacchi. In particolare puntano su una nota strategia di neuroscienze denominata “Pain and Gain” che è basata sulla diffusione della paura per trarre vantaggio.

Purtroppo i cyber criminali non si fermano neppure di fronte alle situazioni più drammatiche, e approfittando dei timori e delle incertezze causate dall’epidemia che dal mese di febbraio si è diffusa in Italia ed in seguito in altre nazioni e continenti, inviano file corrotti sotto forma di documenti in merito all’aggiornamento del virus e su come proteggersi! I file in questione possono contenere trojan e worm!  Prestate attenzione quindi: non cliccate su link di dubbia provenienza e non scaricate file di cui non sapete la provenienza, accertatevi che le fonti siano legittime e affidabili!

Evitate di cliccare su link che promettono di offrire contenuti esclusivi e informatevi solo tramite fonti affidabili e legittime. Controllate altresì l'estensione del file scaricato, i file di documenti e video non devono essere in formato .exe o .lnk. Attenzione anche ad offerte speciali per l’acquisto di mascherine e di disinfettanti: appurate sempre la fonte.

Una raccomandazione anche  per i lavoratori in smart working: attenzione ai falsi siti di supporto dedicati ai collaboratori che lavorano da remoto: clonare un sito può purtroppo essere particolarmente facile per un malintenzionato!